Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

Fallimenti e recupero crediti: occorre l’insinuazione.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Vanti un credito nei confronti di un fallimento? Puoi recuperarlo solo insinuandoti nel passivo. Lo ha chiarito definitivamente la Corte di Cassazione, in una sentenza di fine gennaio 2014.

Vanti un credito nei confronti di un fallimento? Puoi recuperarlo solo insinuandoti nel passivo. Lo ha chiarito definitivamente la Corte di Cassazione, in una sentenza di fine gennaio 2014.

Per ottenere soddisfazione da un soggetto fallito, quindi, d'ora in avanti, meglio neppure tentare l'ordinario giudizio di cognizione e impegnarsi invece, fin da subito, per l'insinuazione al passivo fallimentare.

L'occasione per definire il punto si è presentata, davanti alla Suprema Corte, durante l'esame di una causa civile che vedeva i conduttori di un immobile, nel patrimonio di una società, pretendere dalla proprietà lavori di ripristino del manto di copertura – dal quale provenivano infiltrazioni d'acqua – sulla base di un provvedimento d'urgenza già ottenuto.

In corso di giudizio la società proprietaria era fallita, e quindi il procedimento era stato interrotto, per essere riassunto alla formazione della curatela del fallimento.

Il tribunale originario, con sentenza, aveva riconosciuto la fondatezza della richiesta e, nel confermare il provvedimento d’urgenza, confermato la prosecuzione del giudizio per la quantificazione del danno.

La Cassazione, chiamata a decidere il ricorso presentato contro la sentenza d’appello che aveva confermato quella del tribunale, ha affermato l’importante principio secondo il quale la domanda diretta a far valere crediti verso un fallimento è soggetta al rito dell'accertamento del passivo davanti al giudice fallimentare, cosiddetto giudice delegato.

Se la domanda viene proposta, dunque, di fronte a un giudice diverso, deve gioco forza essere dichiarata inammissibile o improcedibile.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Fallimenti e recupero crediti: occorre l’insinuazione."

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica