• Italiano
  • English

Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Quando una coppia stabilisce l’irreversibilità di una crisi all’interno del matrimonio, i partner possono ricorrere alla separazione di fatto o alla separazione legale. A questa fanno seguito le decisioni in ambito di affido minori e determinazione o ricalcolo dell’assegno di mantenimento.

In sede di separazione legale, se le parti giungono a un accordo circa i risvolti patrimoniali inerenti al termine della loro relazione si procede per separazione consensuale. In caso contrario, uno dei due coniugi può decidere di avviare l’iter di separazione giudiziale, ex art. 150 e 151 del Codice Civile.
Sia per la separazione consensuale che per la separazione giudiziale, con o senza prole, il giudice stabilisce l’assegno di mantenimento da versare periodicamente all’ex partner o ai figli nati dal matrimonio, sotto forma di denaro o altre voci di spesa (canone di affitto, rate condominiali, altre spese).

Criteri e parametri di determinazione dell’assegno di mantenimento

L’assegno di mantenimento è previsto dall’art. 156 del Codice Civile, che ne determina i presupposti affinché uno dei coniugi possa ottenerlo.
In base alla legge 74/1987 art. 10:

“I coniugi devono presentare all’udienza di comparizione avanti al presidente del tribunale la dichiarazione personale dei redditi e ogni documentazione relativa ai loro redditi e al loro patrimonio personale e comune.”

Dopo la comparazione delle condizioni economico-patrimoniali, il giudice di merito concede l’assegno di mantenimento al coniuge che ne fa espressamente domanda se questi:

Nel computo del reddito sono comprese tutte le utilità economicamente valutabili, oltre al denaro, come ad esempio beni immobili, investimenti, titoli di credito, partecipazioni a società, titolarità di aziende, disponibilità della casa coniugale.
Per determinare l’importo o il ricalcolo dell’assegno di mantenimento, il giudice valuta anche le condizioni personali del coniuge che lo richiede, cioè se può svolgere un lavoro retribuito in relazione a età, condizioni di salute, esperienza lavorativa e anni di inoccupazione.

Nuovo assegno di mantenimento: quando si annulla?

Da maggio 2019, la Commissione di Giustizia ha approvato il nuovo assegno di mantenimento che si discosta dal criterio di conservazione del “tenore di vita” della coppia. Decade perciò la funzione puramente assistenziale dell’assegno, a favore di quella compensativa e riequilibratrice del reddito. Nei casi di redditi pressoché simili, infatti, nessuno dei coniugi ha diritto a questa misura.

L’obbligo di versamento dell’assegno di separazione cessa nel momento in cui i coniugi divorziano, si riconciliano o se il matrimonio è dichiarato nullo. L’assegno divorzile, invece, decade se il beneficiario intraprende una nuova relazione stabile o contrae nuovo matrimonio.

Se dalla coppia sono nati dei figli, entrambi i genitori hanno l’obbligo di mantenimento in proporzione alla propria capacità di reddito e lavoro. Questo vale per i figli minori, ma anche per i maggiorenni non ancora economicamente indipendenti. A differenza di quanto attiene all’ex coniuge, ai figli deve essere garantito il rispetto del precedente tenore di vita famigliare, come da recenti pronunce giurisprudenziali tra le quali l’ordinanza della Corte di Cassazione n. 15774/2020.

Revisione dell’assegno: cosa succede se mutano le condizioni di separazione

Poiché basato su condizioni mutevoli, anche l’importo dell’assegno di mantenimento è suscettibile di revisione nel tempo. Le condizioni di separazione e divorzio possono essere modificate su richiesta di uno dei coniugi, su giustificato motivo.

I parametri che agiscono sul ricalcolo dell’assegno di mantenimento devono afferire a uno squilibrio nei rapporti tra ex coniugi o con i figli. Ad esempio, il miglioramento o peggioramento della situazione economica del beneficiario dell’assegno oppure di chi è obbligato a versarlo, ma anche una eventuale incongruenza dei dati sui redditi forniti dall’uno o l’altro coniuge.

L’importanza delle prove per ricalcolare l’assegno di separazione o divorzio

In questi casi, quindi, è necessario accertare la sopraggiunta inadeguatezza di mezzi economici o, in generale, la reale impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive. È qui che il supporto di una società investigativa con regolare licenza ex art. 134 TULPS può fare la differenza nel provare l’esistenza di cosiddetti lavori “in nero”, di una nuova eredità o di altri redditi non dichiarati. Le indagini approfondite rapportano la situazione patrimoniale dichiarata all’effettivo stile di vita dei partner, e accertano che si conservino i presupposti per l’erogazione dell’assegno di mantenimento. Le prove vengono raccolte in un Dossier riproducibile in sede giudiziaria dall’investigatore privato.

La nostra business unit Investigazioni supporta privati e Studi Legali in ambito di affido minori, infedeltà coniugale e altre controversie legate alla separazione o divorzio. I Professionisti, inoltre, possono scegliere i servizi Abbrevia a condizioni agevolate grazie alla nostra partnership con Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Ricalcolo dell’assegno di mantenimento: gli aspetti da considerare per chi lo chiede e chi lo versa"

Potrebbero interessarti anche

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica