• Italiano
  • English

Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
67.790, che corrisponde al 6,2% in più rispetto all’anno precedente. Sono le convalide di sfratto per morosità emesse nel 2012. E i casi “pendenti”, per i quali è stata richiesta l’esecuzione, si contano a quasi 121mila, secondo i dati ufficiali diffusi dal ministero dell’Interno.

67.790, che corrisponde al 6,2% in più rispetto all'anno precedente. Sono le convalide di sfratto per morosità emesse nel 2012. E i casi “pendenti”, per i quali è stata richiesta l'esecuzione, si contano a quasi 121mila, secondo i dati ufficiali diffusi dal ministero dell'Interno.

Si tratta dell'ennesima cartolina dalla crisi, che in questo settore colpisce più duro nella città simbolo dell'ex “opulenza” italiana, Milano. Il capoluogo lombardo registra infatti il record di domande di esecuzione con quasi 18mila casi. Secondo i dati raccolti dal Sicet, sindacato degli inquilini, presso i tribunali, le convalide di sfratto nel 2012, in città, sono state 6.800, duemila oltre le cifre ufficiali, parziali per stessa ammissione del ministero.

In generale, a livello italiano, nella quasi totalità dei casi i proprietari agiscono per morosità, ma appaiono in aumento anche i provvedimenti per necessità del locatore (1.152).

La tendenza è al rialzo da almeno sei anni, cioè dall'inizio della crisi, come lamentano le associazioni degli inquilini: secondo il Sunia, gli sfratti per morosità sono infatti aumentati del 64% dal 2007 al 2011. La differenza del 6% registrata l'ultimo anno va quindi sommata alla mole di provvedimenti accumulati nel quinquennio precedente.

Ma il fenomeno, che assume già le dimensioni di un vero allarme sociale, è ancora più esteso: secondo Adnkronos, anche la metà dei proprietari che non ricorrono allo sfratto lamenta spesso ritardi o irregolarità nei pagamenti.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Morosità e sfratti in impennata: quando il debito è di casa."

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica