Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

Le microspie in farmacia

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Presso la farmacia di Mori in Trentino sono state trovate due microspie, il direttore ha presentato denuncia ai carabinieri

Che ci fanno due microspie in farmacia? E soprattutto: chi le ha messe?

Francesco Kostner, direttore della farmacia Monte Albano di Mori (Trentino Alto-Adige) ha spiegato ai militari dell’Arma, che nei giorni scorsi in fase di chiusura della farmacia ha notato che dal controsoffitto, vicino al banco di vendita, qualcosa di forma tondeggiante e di colore nero sporgeva dallo spazio tra due doghe.

Insospettito, il farmacista ha preso una scala e si è avvicinato per controllare di cosa si trattasse. Dopo aver tolto la protezione ha scoperto che si trattava di una micro videocamera collegata ad un cavo. Ha quindi scattato alcune foto per inviarle al tecnico che si occupa dell’impianto di allarme antiintrusione. Il direttore non si è fermato ed ha voluto verificare se ci fossero altre videocamere. Ed in effetti ne ha trovata un’altra nell’ufficio e rivolta verso il tavolo del pc dove, come specificato nella denuncia, effettua movimenti sul conto corrente bancario e utilizza svariate password per i programmi di lavoro.

Compiendo ulteriori verifiche il dottor Kostner scopre due notifiche sul suo cellulare inviate dal sistema di allarme antiintrusione della farmacia che segnalava disattivazioni e attivazioni del sistema nel cuore della notte. Quello che ha particolarmente allarmato il farmacista è che l’attivazione era stata compiuta con una chiave con codice cifrato affidata alla ditta Unifarm (di cui la farmacia è socia) per le consegne notturne del farmaci. Ma, ulteriore preoccupante scoperta, è risultato da una verifica ad Unifarm che nessuno dei dipendenti nella notte fra il 3 e il 4 luglio aveva eseguito passaggi nella farmacia.

Un’invasione della proprietà che lascia aperti molti dubbi: qualcuno che voleva compiere un furto (e poi non lo ha fatto) o qualcuno della concorrenza che voleva spiare l’attività della Monte Albano? Interrogativi che alimentano il mistero delle due microspie scoperte in farmacia. 

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Le microspie in farmacia"

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica