Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

Italia, torna anche la vecchia cambiale per pagare i 34 miliardi di debito del 2012.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Al bilancio complessivo degli italiani mancano quasi 34 miliardi.
Per la precisione 33,717: è la cifra complessiva del debito lasciato insoluto da famiglie e imprese nel 2012, sui circa 43 miliardi affidati per il recupero a società specializzate da banche, finanziarie, multiutility e pubblica amministrazione.

Al bilancio complessivo degli italiani mancano quasi 34 miliardi.

Per la precisione 33,717: è la cifra complessiva del debito lasciato insoluto da famiglie e imprese nel 2012, sui circa 43 miliardi affidati per il recupero a società specializzate da banche, finanziarie, multiutility e pubblica amministrazione.

È quanto emerge dal rapporto annuale di Unirec, l'associazione di categoria delle imprese di servizi a tutela del credito.

Un “conto” ancora più preoccupante se analizzato alla luce della sua composizione e dell'aumento percentuale rispetto agli anni precedenti: 24 miliardi infatti si riferiscono a pagamenti attesi dalle famiglie, mentre l'ammontare complessivo è in crescita del 17 per cento sul 2013 e addirittura di 48 punti percentuali nel confronto con il 2010.

Notevole anche il dato che fotografa l'utilizzo di uno strumento che solo pochi anni fa sembrava sulla via dell'inevitabile obsolescenza, retaggio di un passato “povero”, la cambiale. Rispetto al 2009, ne aumenta l'impiego del 44 per cento, per un ammontare complessivo del 17 per cento in più. In parallelo si moltiplicano anche i protesti, che crescono da 5 trimestri consecutivi.

In ascesa, quindi, anche le preoccupazioni sull'incremento del rischio d'insolvenza, legato alle caratteristiche di esigibilità dei titoli, da parte delle aziende emittenti, le quali appaiono fortemente condizionate dai ritardi nei saldi delle pubbliche amministrazioni e dalla stretta al credito praticata dagli istituti bancari.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Italia, torna anche la vecchia cambiale per pagare i 34 miliardi di debito del 2012."

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica