Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

In coda per l’Expo anche i compensi degli imprenditori

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Dall’America con un arretrato di 20 milioni alla Russia con un debito di oltre un milione di euro per nove aziende

A distanza di un mese dalla chiusura di Expo, sono parecchi gli imprenditori, concentrati per lo più nel nord Italia, che devono ancora essere liquidati e che sono rimasti intrappolati nel sistema dei sub appalti. Peccato che oltre al lavoro che ha portato Expo alle imprese non abbia portato anche i compensi.

E’ il caso delle due potenze Usa e Russia che, a quanto pare, temporeggiano le date di pagamento dei fornitori.

I titolari delle imprese ovviamene a loro volta non riescono a pagare né tecnici né operai e l’arretrato si sta facendo consistente. A rompere gli indugi è stata un’azienda marchigiana: il titolare dell’impresa si è presentato al padiglione russo con l’ufficiale giudiziario e ha preteso il sequestro di alcuni beni. Ed ecco che, ai russi è arrivata l’istanza di pignoramento, proprio in fase di smantellamento del padiglione. La Russia a sua volta ha contestato il modo in cui erano stati effettuati gli impianti elettrici, anti incendio e ha sollevato critiche sulla struttura portante.

Una perizia depositata al tribunale di Milano certifica però la validità dei lavori che quindi vanno pagati.

E poi c’è il caso del padiglione Usa, dopo la chiusura di Expo sul piatto sono rimasti arretrati quasi 20milioni. La strategia a stelle e strisce ha privilegiato i pagamenti dei fornitori che hanno tenuto aperto il padiglione a discapito di quelli che hanno concluso i lavori per primi.

Amara anche la storia del padiglione del Nepal. Alla fine di aprile, quando il Paese fu colpito dal terremoto, molti operai nepalesi al lavoro a Expo furono costretti a tornare a casa rischiano di lasciare a metà l’opera.

Scattò una gara di solidarietà per aiutare le autorità nepalesi a completare il padiglione. Ma, accanto a tanti volontari, intervennero anche parecchi operai specializzati bresciani. Che aspettano ancora il proprio compenso.

Per quanto riguarda il caso di Palazzo Italia, dopo un lungo braccio di ferro, hanno fatto dietrofront le società che avevano vinto l'appalto per la gestione degli eventi del padiglione italiano e oggi sarà firmato l'accordo: pagheranno i salari arretrati di giugno a 90 dipendenti dopo che Expo Spa si era detta pronta ad accollarsi l'onere. Hostess e steward erano rimasti vittima di un intricato passaggio di responsabilità tra le diverse società che si sono alternate nella gestione degli spazi espositivi italiani.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"In coda per l’Expo anche i compensi degli imprenditori"

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica