Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

Il mercato dell’energia: consumi, morosità e recupero crediti

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
I dati relativi al 2018 delle Utilities italiane, dai consumi ai clienti morosi fino al relativo recupero dei crediti insoluti.

 

Il mercato dell’energia in Italia continua ad evolversi ed i dati del 2018 confermano una dinamicità sia in termini di operatori che di consumatori finali. A livello complessivo il consumo di energia resta fondamentalmente stabile con un aumento dello 0,5% rispetto al 2017 (303,4 TWh); cala invece la produzione lorda interna (-1,8%) che riesce a coprire l’87,1% del consumo totale nazionale. A livello di operatori invece il settore si conferma decisamente dinamico con la nascita di 73 nuovi venditori sul mercato libero retail (+12,9%) ed un mercato complessivo di 638 soggetti. D’altra parte aumenta anche il fenomeno dello switching, con il passaggio dei clienti da un operatore all’altro, che sale del 10,3%, dato quasi completamente imputato al mercato domestico (Fonte: Arera – Relazione Annuale 2019).

Una delle principali problematiche per le Utilities, a prescindere dalle fluttuazioni commerciali del mercato, è il fenomeno della morosità. Nel 2018 le imprese del comparto Utilities hanno affidato alle società di recupero crediti circa 13,1 milioni di pratiche (46% sul totale in Italia). A livello di importi sono 7,14 mld gli insoluti lavorati in outsourcing (26% sul totale), dato connesso al valore del ticket medio del comparto energia che è sicuramente inferiore rispetto ad altri settori, vedi quello finanziario; si va infatti dai € 546 di ticket medio delle Utilities ai € 2.118 di Banche e € 1.488 delle Finanziarie.

Se poi andiamo ad esplodere i dati precedentemente esposti per tipologia di utenza, dividendoli tra clienti attivi e cessati variano anche i valori medi dei crediti affidati. Le bollette insolute relative alla clientela attiva rappresentano il 52% del totale delle pratiche ma per contro  coprono il 45% degli importi affidati al recupero; parallelamente le pratiche dei clienti cessati inglobano il restante 48% di pratiche ed il 55% del valore in euro. Le incongruenze relative a percentuale di pratiche e importi sono dovute alla differenza dei ticket medi che passa dai € 542 dei clienti attivi ai € 722 dei clienti cessati. Da tenere in considerazione che questo gap si è accorciato decisamente rispetto al 2017 dove si passava dai € 498 ai € 1.317.

Un aspetto di fondamentale importanza per i Credit Manager è poi sicuramente quello relativo alle performance di recupero dei crediti ed il suo trend rispetto agli anni precedenti. A livello di numero di pratiche il comparto delle Utilities ha fatto registrare nel 2018 un 28% di recuperato mentre per quanto riguarda gli importi il risultato si attesta sul 20%. Se si comparano questi dati con gli stessi relativi agli anni precedenti il trend è altalenante con un peggioramento rispetto al 2017 per quanto riguarda il numero di pratiche recuperate che passa dal 31% al 28% ma un miglioramento a livello di importi che passa dal 13% al 20%. Questi risultati opposti vengono anche in questo caso influenzati dalle differenze tra clienti attivi e cessati. Il recupero crediti sulla clientela attiva infatti fa registrare un 37% lato pratiche ed un 31% lato importi, mentre sulla clientela cessata gli stessi dati sono chiaramente inferiori con un 19% ed un 13,7% per le due tipologie di clienti.

Se si guardano le performance degli anni precedenti è fondamentale sottolineare il calo progressivo dei dati relativi al numero di pratiche sugli attivi che va dal 52% del 2016 al 43% del 2017 fino ad arrivare appunto al 37%. Al contrario gli importi vanno dal 28% al 23% fino a risalire al 31%. Migliorano invece i dati relativi ai cessati che dal 16% di 2016 e 2017 arrivano al 19% a livello di pratiche; a livello di importi si conferma il trend altalenante con il 9,4% del 2016, il 6,4% del 2017 ed il risultato positivo del 13,7% del 2018 (Fonte: Rapporto Unirec 2019).

Per riassumere i dati esposti e capire la dimensione del fenomeno della morosità nel settore energia è sufficiente evidenziare un dato: i crediti affidati alle società di recupero nel 2017 erano composti per il 38% dagli insoluti del mondo Utilities, nel 2018 questi rappresentano il 46% sul totale. Questo impatto sul mondo del recupero porta le società erogatrici di energia a sviluppare sistemi di gestione del credito sempre più elaborati, avvicinandosi alla gestione di tipo finanziaria, e creare partnership strategiche con Servicer e Info provider specializzati nel mondo utilities, per la realizzazione di procedure e flussi informativi adatti alle peculiarità del settore.

 

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Il mercato dell’energia: consumi, morosità e recupero crediti"

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica