Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

Cambiali, cresce utilizzo dei ‘pagherò’

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Tra pagamenti stringenti e mancanza di liquidità, in Italia si usa la vecchia formula dei ‘pagherò’: nel 2011 nel nostro Paese sono state protestate cambiali per un valore di 1,7 miliardi di euro.

Tra pagamenti stringenti e mancanza di liquidità, in Italia si usa la vecchia formula dei ‘pagherò’: nel 2011 nel nostro Paese sono state protestate cambiali per un valore di 1,7 miliardi di euro.

Lo afferma la Camera di commercio di Monza e Brianza che ha inoltre attivato alcuni interventi ”per non lasciare soli gli imprenditori” nell’affrontare la crisi: da uno sportello d’aiuto dedicato all’ascolto degli imprenditori all’anticipo dei crediti scaduti che le imprese vantano nei confronti dei Comuni, fino a oltre 1 milione di euro di contributi a fondo perduto a più di 500 imprese che assumono.
La situazione del registro dei ‘cattivi pagatori’, spiegano dall’ente camerale in base a un’elaborazione del suo Ufficio studi, preoccupa soprattutto in Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Basilicata e Calabria dove i ‘pagherò’ sono in aumento rispetto al 2010 (rispettivamente +87,2%, 20,4%, 45,1%, 19,7%, 8,6%).
In Lombardia l’ammontare delle cambiali nel 2011 è di 316 milioni di euro. Qui Milano è in recupero (-17% rispetto al 2010) ma in molte realtà cresce il valore delle cambiali: a Monza e Brianza (+32% rispetto al 2010), Brescia (+1,8%), Lecco (+5,5%), Cremona (+16,1%), Sondrio (+41,1) e Varese (+13%).
”In questo momento è fondamentale ripristinare un clima complessivo di fiducia nei confronti dell’impresa, e del rischio di impresa”, ha dichiarato Carlo Edoardo Valli presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza. “Un impegno che richiede un supplemento di responsabilità da parte di tutti, dal Governo alle Istituzioni alle banche che devono tornare a credere nell’impresa, perchè le aziende senza la liquidità necessaria non possono lavorare, non possono fare investimenti e quindi non possono generare occupazione”.

Fonte: http://www.quibrescia.it/cms/

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Cambiali, cresce utilizzo dei ‘pagherò’"

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica