• Italiano
  • English

Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

Bonus fotovoltaico del 110% e cessione del credito d’imposta:
come tutelare il rapporto tra Utility e Cliente

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

L’ecobonus del 110% volto a rinnovare la produzione di energia tramite l’installazione di pannelli fotovoltaici comporta notevoli vantaggi, sia dal punto di vista del richiedente (privato o impresa) sia del fornitore degli impianti. Tuttavia, l’opportunità di ampliare le potenzialità del mercato energetico tramite la trasformazione delle detrazioni previste dalla legge può dare adito ad alcuni rischi, dai quali è possibile tutelarsi grazie a un processo di gestione interna sviluppato da Abbrevia insieme alle Utilities.

Ecobonus 110% e miglioramento energetico: cosa prevede la Legge

In vigore dal 19 maggio 2020, il Decreto Rilancio ha previsto importanti novità riguardanti gli incentivi in materia di efficientamento energetico. Nello specifico, l’articolo 119, comma 5, del D.L. 34/2020 riporta che:

“Per l’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici […] la detrazione […] spetta, per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, nella misura del 110 per cento, fino ad un ammontare complessivo delle stesse spese non superiore a euro 48.000 e comunque nel limite di spesa di euro 2.400 per ogni kW di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo.”

Un provvedimento che interessa sia i privati che vogliano aumentare la classe energetica della propria abitazione, sia le imprese che decidano di dotare i propri edifici di impianti fotovoltaici per generare energia rinnovabile.

Cessione delle detrazioni fiscali al fornitore del servizio energetico

Uno sviluppo interessante per la gestione del superbonus del 110% è previsto nell’articolo 121 dello stesso Decreto Legge. Qui, infatti, si definisce che l’importo delle detrazioni può essere utilizzato direttamente dal richiedente, che quindi lo recupererà in cinque anni come descritto in precedenza, oppure ceduto al fornitore che ha effettuato gli interventi.

Se il credito viene ceduto all’utility scelta per la fornitura del servizio, quest’ultima ha facoltà di recuperarlo sotto forma di credito d’imposta o cederlo a sua volta ad altri soggetti (art. 121, c. 1, D.L. 34/2020). Un’opportunità che accresce sensibilmente le potenzialità del mercato del fotovoltaico, a partire dal settore privato.

Come tutelarsi in caso di cessione del credito d’imposta?

Se l’acquirente privato o l’azienda che richiede l’ecobonus per efficientamento energetico decide di trasferire l’incentivo all’utility fornitrice, sopravvengono dei rischi legati alla posizione tributaria del soggetto cedente che possono complicare la trattativa commerciale.

Una possibile soluzione a questa necessità è la verifica preventiva dell’assenza di pendenze tributarie da parte del soggetto cedente il credito. In questo caso però una certificazione dei requisiti, se lasciata in capo all’acquirente, potrebbe rallentare il processo di vendita e incidere sull’esito finale del contratto con l’impresa di energia.

Bonus fotovoltaico e validazione dei requisiti: un nuovo processo di gestione

In questo scenario, per le utilities che effettuano le installazioni è importante tutelare i risvolti positivi che l’opportunità di cessione del credito offre, migliorando al contempo l’esperienza del cliente e chiudendo i contratti nel minor tempo possibile.

Per supportare le imprese fornitrici di energia, abbiamo sviluppato un nuovo processo che prevede la gestione interna della verifica tributaria del cliente, riducendo i tempi tra la richiesta di cessione del credito e il nulla osta all’avvio della pratica.

Se vuoi conoscere come ottenere un processo completo, che migliori l’esperienza dei tuoi clienti e potenziali, garantendoti l’ottimizzazione di tempi e costi di gestione, contattaci per richiedere un primo incontro conoscitivo con un nostro consulente.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Bonus fotovoltaico del 110% e cessione del credito d’imposta:
come tutelare il rapporto tra Utility e Cliente"

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica