Abbrevia,
su misura per te

Sei già Cliente?

apripan

Recupero crediti – Una sentenza che costa caro

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Novità importanti per gli imprenditori nel difficile e complicato mondo del Recupero Crediti.

Risponde di bancarotta l’imprenditore che non si attiva tempestivamente per il recupero crediti dell’azienda che poi fallisce. Lo ha sancito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 40901 del 18 ottobre 2012.

Novità importanti per gli imprenditori nel difficile e complicato mondo del Recupero Crediti.

Risponde di bancarotta l’imprenditore che non si attiva tempestivamente per il recupero crediti dell’azienda che poi fallisce. Lo ha sancito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 40901 del 18 ottobre 2012.

In un articolo apparso su “Italia Oggi” di venerdì 19 ottobre 2012 viene presentata una condanna cominata ad un Imprenditore settantaduenne che ha contribuito al default della sua azienda per non aver recuperato i crediti spettanti.

In particolare, la quinta sezione penale, ha confermato la condanna a carico di un amministratore unico che aveva contribuito alla crisi economica della propria azienda. Secondo la ricostruzione dei giudici, l’imputato ha agevolato il fallimento, prima di tutto stipulando dei contratti poco convenienti per l’impresa e successivamente non attivandosi tempestivamente per il recupero dei crediti.

Inutile per la difesa sostenere che i contratti di locazione sconvenienti erano stati stipulati molti anni prima e che l’attività di recupero crediti non era di stretta competenza dell’amministratore unico. Senza successo anche il ricorso presentato dall'imprenditore alla Suprema corte che ha confermato la condanna inflitta nei precedenti gradi di giudizio sostenendo l’incidenza negativa sull'andamento della società per la non tempestività nella riscossione dei crediti dovuti.

Una sentenza importante che deve mettere in guardia tutti gli imprenditori sulle fattive possibilità di essere penalizzati in sede processuale nel caso non fossero recuperati crediti dovuti all'azienda.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

I nostri servizi a tema con
"Recupero crediti – Una sentenza che costa caro"

Potrebbero interessarti anche

Nessun contenuto disponibile

Media & Press

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di aver ricevuto e letto l'informativa rilasciata da ABBREVIA S.p.A. ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali con la finalità di

Abbrevia Comunica

Potrebbero interessarti

Nessun contenuto disponibile

Legenda dei simboli

Servizi premium, il Valore Aggiunto Abbrevia

La grande differenza Abbrevia? Le indagini investigate.

Ottieni l’indirizzo del debitore, ma al campanello non risponde nessuno. Rintracci un conto della società insolvente, tenti un pignoramento, ma il deposito risulta drammaticamente vuoto. Il tuo nuovo partner commerciale non è in grado di assolvere alle sue obbligazioni, quando tutto lo faceva apparire in smagliante salute finanziaria. Quante volte le azioni promosse e le decisioni prese sulla base di normali informazioni commerciali si risolvono un buco nell’acqua? Troppe.

Con i servizi Premium offerti da Abbrevia questo non accade. Si tratta infatti di indagini investigate, condotte in loco da un team interno specializzato, attingendo a fonti ufficiali e ufficiose.

Le informazioni così ottenute sono davvero attuali e affidabili, rivelano dati effettivi, domicili reali, beni esistenti, conti attivi, autentica disponibilità di un’azienda o di una persona.

Tempo di evasione Offline

Tempo di evasione Online

Informazione su Persona Fisica

Informazione su Persona Giuridica